Sei in: Home > Le ultime notizie > E-commerce e marketing 2....

24/07/2017 00:00

 E-commerce e marketing 2.0: come farsi conoscere online

 
Trasportabilità, durata e deperibilità del prodotto insieme alla vicinanza a centri di grandi dimensioni sono tra i fattori da considerare per decidere se sia il caso di vendere via web

 

   
Se siamo interessati alla vendita diretta e la nostra azienda è localizzata vicino a un grande centro urbano, anche la vendita via web potrebbe essere uno strumento perfetto. In questo modo potremo permettere a molte più persone di “entrare” nel nostro punto vendita anche direttamente da casa loro o mentre stanno andando a lavoro. Ovviamente, oltre alla vendita, i nostri obiettivi saranno anche quelli di far entrare in contatto con noi e la nostra realtà aziendale, molte più persone rispetto ai canali “tradizionali”.
Possiamo poi far conoscere i nostri prodotti in modo originale, ad esempio con un video di presentazione, una ricetta o un semplice tutorial, per distinguere il nostro prodotto di qualità rispetto ad uno meno attraente. Ma potremo anche ricevere utili suggerimenti ed entrare in relazione diretta sia con i nostri clienti più “fedeli”, sia con quelli potenziali.
Ma attenzione: se la l’azienda agricola o l’impresa è tanto lontana da un centro urbano o i nostri prodotti sono molto deperibili, i nostri clienti saranno principalmente persone provenienti da paesi vicini. In questo caso è probabile che, per incrementare le vendite, sia meglio investire gran parte del nostro tempo nel partecipare al mercato degli agricoltori locali invece di puntare tutto sulla vendita online.
Quindi potrebbe rivelarsi utile esser presenti sul web, ma con uno sforzo strategico minore in tema di vendite online. 
   
Cosa dobbiamo considerare se vogliamo vendere online
La prima cosa da fare per vendere online è valutare le caratteristiche del proprio prodotto. Ci sono almeno tre requisiti del prodotto per decidere se sia il caso di vendere via web:
1. trasportabilità
2. durata e la deperibilità del prodotto
3. la vicinanza a centri di grandi dimensioni
I prodotti deperibili devono essere spediti in giornata, specialmente nei mesi caldi e arrivare a destinazione nel minor tempo possibile. Questo potrebbe farne aumentare il costo.
Anche per i prodotti preconfezionati o “da scaffale” dobbiamo stare attenti al modo in cui li confezioniamo e li spediamo (si pensi al vino o all’olio). Ricordiamoci che spesso molti alimenti acquistati online sono comprati come regali, quindi la confezione dev’essere sempre attraente.
Per un buon servizio al consumatore, e nel rispetto della legislazione italiana sull’e-commerce, dobbiamo garantire che se il prodotto si danneggia nel trasporto, lo dovremo rispedire scusandoci per il disagio o magari offrendo un “trattamento speciale” sul prossimo acquisto.
Inoltre, prima di provare a vendere online, determiniamo quale sarà il particolare valore extra che offriamo: visitando i siti dei nostri concorrenti, guardiamo come vendono; scopriamo la loro politica dei prezzi e dei servizi che offrono. Conoscendo i nostri competitor possiamo capire come distinguerci da loro.

Fare una scelta, per non sprecare tempo
Infine, è importante compiere una scelta chiara e non pensare che il sito possa svolgere la sua funzione automaticamente, ma dobbiamo dedicarci tempo, risorse economiche e personali per raggiungere i nostri obiettivi. Possiamo distinguere tre macro-tipologie:
a. un sito-vetrina non richiede troppo tempo di gestione perché, dopo il primo inserimento dei contenuti, sarà solo necessario aggiornarlo quando s’introducono nuovi prodotti od offerte speciali;
b. un sito/blog relazionale ha bisogno di una gestione continua, perché l’interattività richiede che sia data una risposta immediata a coloro che ci contattano;
c. lo stesso vale per un sito commerciale, che, oltre al contatto diretto con i clienti, richiede il continuo assortimenti dei prezzi e della lista dei prodotti.
A seconda dell’obiettivo principale che assegniamo al nostro sito, occorre poi definire chi dedicherà tempo alla sua gestione, come e quando lo farà.
Ecco perché la scelta di essere on line è importante: la considerazione degli aspetti strategico-gestionali, oltre a quelli tecnici di realizzazione, sono fondamentali per il successo di un sito internet. Quindi, attenzione, la mancanza di un orientamento preciso, e del necessario conseguente impegno, possono portarvi a sprecare tempo e soldi.
Approfondisci l’argomento su FARMINC la piattaforma di e-learning per aziende e imprenditori agroalimentari realizzata di INIPA-Coldiretti Education.
Buono studio!

 

 km zero; marketing; filiera corta; agricoltura; e-commerce