Sei in: Home > Eventi > Cerealia

28/05/2014 00:00

 Cerealia

 
​Dal 6 al 9 giugno a Roma il primo festival dedicato al mondo dei cereali tra cultura, alimentazione, società, economia, ambiente e territorio

 

Arriva un appuntamento da non perdere: Cerealia, il festival dei cereali. Questo evento – che vede la partecipazione di numerose istituzioni, organizzazioni scientifiche, culturali ed imprenditoriali, tra cui Fondazione Campagna Amica – si svolge dal 6 al 9 giugno a Roma, con un variegato calendario di eventi, in cui si intrecciano cultura, storia, produzioni tipiche, scienza, tradizioni popolari animando spazi culturali e storici, strutture commerciali e produttive. Il valore sociale ed economico dei cereali è immenso, e Cerealia vuole affrontare tematiche di carattere economico e sociale. Ma anche riallacciare i legami tra il territorio di produzione e la tavola del consumatore, riportando in vita usi e costumi antichi, fondati sul rispetto della terra, dei suoi frutti e delle culture autoctone, in un’ottica di sostenibilità, dando alla manifestazione anche un respiro internazionale e valorizzando lo scambio interculturale nel gemellare il festival ogni anno con un paese diverso: quest’anno è Cipro.
All’interno del Mercato del Circo Massimo il 7 e 8 giugno 2014 si svolgeranno diversi corsi dedicati ai cereali e ad altri prodotti tipici dell’alimentazione degli antichi romani. Scopriremo anche i segreti della bellezza delle matrone romane e gusteremo i dolci preparati con le ricette provenienti dal paese gemellato.
Ogni anno il consumo medio a persona in Italia di cereali si aggira sui 162 kg, ovvero il 32% del fabbisogno energetico e il 33% del contenuto proteico dei consumi alimentari. Tra i paesi industrializzati, l’Italia è tra i primi in classifica per l’utilizzo dei cereali nella dieta alimentare. Dati che fanno comprendere come i cereali siano fondamentali nell’alimentazione degli italiani.
La storia peraltro ce lo insegna. I Romani, come altre popolazioni del Mediterraneo, infatti, hanno coltivato e saputo valorizzare i cereali nella loro alimentazione. Lo stesso termine “cereali” deriva da Cerere (dal latino Ceres) divinità materna della terra e della fertilità, nume tutelare dei raccolti, a cui erano dedicati ad aprile i Ludi di Cerere. Anche Vesta presenziava alla propiziazione dei raccolti. «La finta panificazione – racconta il professor Romolo Augusto Staccioli, presidente d’Archeoclub di Roma – aveva luogo proprio nel giorno dei Vestalia, il 9 giugno, e non a caso in quello stesso giorno si celebrò in seguito la festa dei pistores, ovvero i fornai. Nella seconda settimana di giugno, tra il giorno 7, quando Vesta aperitur e il giorno 15, quando Vesta clauditur, si svolgevano una serie di riti che, tra loro collegati, davano vita a un vero e proprio ciclo, che è stato definito “dei cereali”». Proprio gli antichi rituali svolti dalle Vestali e rievocati in forma scenica, costituiscono l’elemento “romano” che caratterizza il festival Cerealia, nato nel 2011 in occasione dei quaranta anni dell’ArcheoClub di Roma. Per info sul festival: www.cerealialudi.org.
Guarda il video

 roma; cipro; festival; cereali; mercato