Sei in: Home > Cerca > Agri Meris a POZZOLEONE -...

Agri Meris

Descrizione

Era l’anno 1903 quando nasceva Brotto Luigi Angelo, punto di partenza della nostra storia. Dal suo matrimonio con Maria nacquero sei bambine e, come ultimogenito, Salvino. Come la maggior parte delle aziende agricole della zona anche la famiglia Brotto in quegli anni si occupava di allevare vacche da latte ma l’iniziativa più originale fu quella di avviare un piccolo vivaio di piantine da orto per rifornire le massaie dei dintorni. In quest’orto venivano seminate le verdure sulle apposite “vaneze” (piccoli appezzamenti di terreno) curate dalle sorelle Brotto che si occupavano di estirpare le erbe infestanti e di annaffiare le piantine; queste poi venivano raccolte a strappo e vendute ai clienti che provvedevano a trapiantarle nei propri orti.
Nel frattempo le sorelle, dopo aver completato le scuole dell’obbligo, si sposarono e Salvino decise di continuare gli studi. Salvino nel 1977 si sposò con Meris (da cui il nome dell’azienda Agrimeris) e l’anno successivo ebbe una bimba, Marianna; fu in questi anni che sviluppò l’ambiziosa idea di avviare un’attività di vendita diretta di frutta presso la propria azienda agricola di Pozzoleone; decise così di piantare circa 300 alberi di pesco di diverse varietà in modo da avere pesche e nettarine, sia a pasta gialla che bianca, da giugno fino a ferragosto. Oltre alla coltivazione delle piante da frutto, Salvino aveva anche un’altra passione che decise di assecondare ovvero quella dell’allevamento di tori da macello e decise così di costruire un capannone ove collocare circa 200 capi di bestiame. Nel corso degli anni per soddisfare le richieste della clientela si cominciò a coltivare anche altri tipi di frutta e attualmente, su terreni in proprietà e in affitto, si coltivano fragole, albicocche, ciliegie, susine, meloni, angurie, pere, mele, melograni, kiwi, noci e alcuni ortaggi. In azienda è affiancato dal figlio Stefano e quando necessario dalla moglie Meris.

Le eccellenze

Agrimeris vuole valorizzare alcune tradizioni del passato unite ad altre opportunità che ci offre il presente.
Le concimazioni organiche e le rotazioni colturali erano quanto di più saggio praticavano i nostri avi e che poi gradualmente, per comodità, abbiamo tralasciato. La lotta integrata e l’uso di pratiche naturali per combattere taluni insetti (confusione sessuale) è quello che ci propone oggi la scienza. Sono tecniche che consentono di migliorare le condizioni fisiche dei terreni e la composizione chimica dell’aria come effetti secondari e di ottenere prodotti più salubri per la nostra alimentazione come effetti primari.

  • Albicocche:
  • Ciliegie:
  • Cocomero:
  • Fagioli:
  • Fichi:
  • Fragole:
  • Lamponi:
  • Melanzane:
  • Mele:
  • Meloni:
  • Mirtilli:
  • Noci:
  • Patate:
  • Peperoni:
  • Pesche:
  • Pomodori:
  • Prugne:
  • Susine:
  • Zucchine:

VIA Bassanese Inferiore 24
36050 POZZOLEONE (VICENZA)