Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Notizie

Verdura, giù i prezzi nel carrello

22.02.18

La deflazione nei campi mette in crisi aziende e posti di lavoro. Le importazioni da Paesi extracomunitari posso portare sulle nostre tavole cibi che non hanno i nostri stessi standard di sicurezza

Verdura, giù i prezzi nel carrello

Crollano i prezzi delle verdure con i vegetali freschi che fanno registrare una diminuzione del 7,4% ed effetti disastrosi nei campi dove per molti prodotti non si riescono più a coprire i costi di produzione. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi all’inflazione a gennaio. Nelle campagne è deflazione con i prezzi pagati agli agricoltori per pomodori, peperoni indivie e lattughe che sono addirittura dimezzati rispetto allo scorso anno mettendo a rischio aziende e posti di lavoro.

Sotto accusa le importazioni incontrollate dall’estero favorite dagli accordi commerciali agevolati stipulati dall’Unione Europea, come il caso delle condizioni favorevoli che sono state concesse al Marocco per pomodoro da mensa, arance, clementine, fragole, cetrioli e zucchine o all’Egitto per fragole, uva da tavola, finocchi e carciofi. Accordi fortemente contestati perché nei paesi di origine è spesso permesso l’uso di pesticidi pericolosi per la salute che sono vietati in Europa, ma anche perché le coltivazioni sono realizzate in condizioni di dumping sociale per il basso costo della manodopera. L’Italia è al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,5%), quota inferiore di 3,2 volte alla media dell’Unione Europea (1,7%) e ben 12 volte a quella dei Paesi extracomunitari (5,6%).

TAGS
alimentazioneimportsaluteverdura