Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Prepara il tuo orto

L’orto biodinamico per la cura del corpo e dello spirito

31.10.17

Alla scoperta di un metodo di coltivazione del tutto in sintonia con la natura

Quando il filosofo Steiner delineò i principi dell’agricoltura biodinamica non poteva certo immaginare il successo e il grande interesse che avrebbe generato nei decenni a venire. Era il 1924 e il mondo viaggiava tra due guerre mondiali, alla ricerca dello sviluppo totale con un’industrializzazione sempre più presente e la chimica che si preparava a sostenere le produzioni agricole. Il massimo sviluppo della biodinamica si ebbe in opposizione alla rivoluzione verde degli anni ’60. In effetti, la prima spingeva per una concezione della produzione di cibo in tutto e per tutto rispettosa dei tempi naturali, l’altra stressava le risorse e grazie agli input esterni, come antiparassitari e concimi chimici, provocò un grande incremento nella produttività dei terreni. Sta di fatto che chiunque abbia la passione per l’orto, in fondo in fondo tratta le piante come se fossero esseri senzienti e “spirituali”. E questa è la base dell’agricoltura biodinamica: un’unione di pratiche agricole del tutto naturali con la fusione di aspetti spirituali sfocianti a volte nell’esoterismo. Proviamo a prendere gli aspetti più apprezzati. In primo luogo il terreno va rispettato ed è per questo che si utilizza il sovescio come pratica finalizzata alla concimazione del suolo e consiste nel rigirare e “sotterrare” le piante spontanee cresciute nel terreno. Ciò permette di aumentare la materia organica nel terreno, rallentare i fenomeni erosivi e mantenere il contenuto di azoto. Le piante più indicate da sotterrare sono le leguminose. In secondo luogo non si utilizzano preparati di sintesi per accrescere la produttività o per proteggere le piante, ma al contrario attraverso le sinergie e consociazioni tra piante si potenziano le possibilità naturali di affrontare eventuali parassitosi o situazioni ambientali sfavorevoli. L’acqua va centellinata e si utilizza come solvente di preparati “omeopatici” per sostenere le piante in crescita. Grande importanza viene data al calendario delle semine in relazione alle fasi lunari. Ad esempio insalata, cicoria, finocchio e cipolla vogliono la luna calante mentre le leguminose e i cavoli quella crescente.
Invocazioni e preghiere sono assolutamente necessarie, ma dopotutto quale contadino tra sé e sé non ha espresso qualche desiderio lavorando al proprio campo?

TAGS
biodinamicocoltivazioneortosemina