Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Notizie

Spreco alimentare, l’Europa scende in campo

30.11.16

Al via il forum permanente composto da 70 tra rappresentanti di Stati membri, organizzazioni internazionali e settore privato

Tagliare gli sprechi alimentari del 50% entro il 2030 e fare dell’Europa una regione leader a livello globale negli sforzi per combattere lo spreco di cibo con programmi di prevenzione in tutti i Paesi e il coinvolgimento di tutte le parti interessate. Con questo auspicio sono iniziati i lavori della piattaforma Ue contro gli sprechi alimentari, che si è riunita ieri per la prima volta a Bruxelles. Il forum è composto da 70 membri – 33 rappresentanti di paesi membri dell’Ue e organizzazioni internazionali (Ocse, Fao, Unep) e 37 rappresentanti del settore privato – I membri si incontreranno regolarmente fino al 31 novembre 2019: due incontri sono già in programma per il 2017. L’obiettivo della piattaforma è individuare, condividere e sviluppare soluzioni praticabili per ridurre lo spreco nella filiera alimentare. Tra le altre azioni da mettere in campo, anche l’introduzione di programmi sullo spreco alimentare come parte dei curricula scolastici, l’accorciamento della catena fra produttore e consumatore, il coinvolgimento delle comunità territoriali europee nel programmare le azioni da intraprendere.
Si calcola che ogni anno in Europa vadano sprecate circa 88 milioni di tonnellate di alimenti, quasi il 20% di tutto il cibo prodotto, con costi per un valore di 143 miliardi di euro. Il tema dello spreco alimentare è nell’agenda dell’Ue dal 2012. Il Parlamento europeo ha dedicato diverse mozioni a questo argomento e nell’ultimo pacchetto sull’economia circolare la Commissione ha proposto un piano d’azione contro gli sprechi che prevede l’elaborazione di una metodologia di misurazione del fenomeno, norme per facilitare la donazione di alimenti e loro riuso (per esempio come mangimi) e la presentazione di proposte sulla data di scadenza. Su quest’ultimo tema la Commissione sta valutando se estendere la lista degli alimenti che sono esenti dall’obbligo di termine minimo di conservazione (“preferibilmente entro”) all’aceto, lo zucchero, il sale, la gomma da masticare. Nel 2016, Italia e Francia hanno adottato legislazioni sullo spreco alimentare.
TAGS
alimentazione; ue; cibo; conservazione; spreco;