Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Notizie

Con Campagna Amica, la spesa giusta che salva il clima

05.06.14

Il decalogo dei comportamenti virtuosi grazie ai quali si possono concretamente ridurre le emissioni di gas serra

​È possibile, con semplici accorgimenti nella spesa di tutti i giorni e nel consumo degli alimenti, tagliare concretamente i consumi di petrolio e ridurre le emissioni di gas ad effetto serra di oltre mille chilogrammi (CO2 equivalenti) all’anno. È quanto emerge dal decalogo “salva ambiente” elaborato dalla Coldiretti in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente  proclamata dall’Onu. Scegliere prodotti locali e di stagione, ridurre al minimo gli imballaggi, fare acquisti di gruppo, recarsi a fare la spesa riciclando le buste, ottimizzare il consumo di energia nella conservazione e nella preparazione dei cibi, non sprecare e portare in tavola gli avanzi sono, insieme alla raccolta differenziata, alcuni dei comportamenti suggeriti per assumere responsabilità nei confronti delle generazioni future. 
  

Il lungo viaggio dei cibi verso la nostra tavola
Ogni pasto percorre mediamente quasi 2mila chilometri prima di giungere sulle tavole e la distribuzione commerciale dei prodotti alimentari, con i lunghi trasporti e le inefficienze di natura logistica, è tra le principali responsabili su scala globale dell’emissione di gas a effetto serra. È stato calcolato che un chilo di ciliegie dal Cile per giungere sulle tavole italiane deve percorrere quasi 12mila chilometri con un consumo di 6,9 chili di petrolio e l’emissione di 21,6 chili di anidride carbonica, mentre un chilo di mirtilli dall’Argentina deve volare per più di 11mila chilometri con un consumo di 6,4 kg di petrolio che liberano 20,1 chili di anidride carbonica e gli asparagi dal Perù viaggiano per oltre 10mila km, bruciando 6,3 chili di petrolio e liberando 19,5 chili di anidride carbonica per ogni chilo di prodotto, attraverso il trasporto con mezzi aerei. 
  
Come cambiano le abitudini con la crisi
Forse l’unico aspetto positivo della crisi è forse la tendenza ad acquisti più responsabili che hanno portato i consumatori, ad abbandonare le mode esterofile del passato, a privilegiare l’acquisto di prodotti sfusi, ad adottare tecniche di acquisto come la spesa di gruppo che fanno risparmiare carburante ma anche a tagliare gli sprechi. Negli ultimi anni è crollata dell’8 per cento la produzione di rifiuti degli italiani che è scesa a 504 chili per abitante con una riduzione di ben 42 chili rispetto al 2007. Complessivamente a livello nazionale sono stati prodotti dagli italiani oltre 2 milioni di tonnellate di rifiuti in meno con un rilevante effetto dal punto di vista ambientale. Si tratta di un risultato che è il frutto dell’effetto congiunto dei minori consumi, dell’aumento degli italiani che riciclano, fanno aggiustare e riducono gli sprechi, ma anche di un atteggiamento più responsabile nei confronti dell’ambiente. A contribuire notevolmente alla produzione dell’immondizia sono anche gli sprechi con quasi 5 milioni le tonnellate di cibo che ogni anno vengono gettate nelle case degli italiani. Anche se la situazione resta preoccupante, tre famiglie su quattro (73 per cento) hanno tagliato gli sprechi a tavola, con il 45 per cento che li ha ridotti mentre il 28 per cento li ha addirittura annullati, secondo una analisi Coldiretti/Ixè dalla quale emerge che tra chi ha tagliato gli sprechi l’80 per cento fa la spesa in modo più oculato, il 37 per cento guardando con più attenzione alla data di scadenza e il 26 per cento riducendo le dosi acquistate, ma sono il 56 per cento quelli che riutilizzano quello che avanza.
   
Il decalogo della spesa salva ambiente
1.  Preferire l’acquisto di prodotti locali che non devono subire lunghi trasporti con mezzi inquinanti.
2.  Scegliere frutta e verdura di stagione che non consumano energia per la conservazione.
3.   Ridurre le intermediazioni fino a fare acquisti direttamente dal produttore, come nei mercati di Campagna Amica, per evitare passaggi di mano del prodotto che spesso significano inutili trasporti.
4.   Privilegiare i prodotti sfusi che non consumano imballaggi, come i distributori automatici di latte.
5.   Acquistare confezioni formato famiglia rispetto a quelle monodose per ridurre il consumo di imballaggi per quantità di cibo consumato.
6.    Fare acquisti di gruppo (anche in condominio) per ridurre i consumi di energia nei trasporti per fare la spesa.
7.    Riutilizzare le borse per la spesa e servirsi di quelle fatte con materiali biodegradabili di origine agricola nazionale o di tela invece di quelle in plastica.
8.    Ottimizzare l’energia consumata nella preparazione e conservazione dei cibi con pentole e frigoriferi a basso impatto.
9.    Ridurre gli sprechi ottimizzando gli acquisti e riscoprendo la cucina degli avanzi per evitare che finiscano tra i rifiuti.
10.  Fare la raccolta differenziata per consentire il recupero di energia dai rifiuti prodotti.
TAGS
mercati; spesa; inquinamento; ambiente; energia;