Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Notizie

Ad Ancona, l’aperitivo solidale in bottega

17.01.14

Sabato 18 gennaio i prodotti d’eccellenza del made in Marche scendono in campo con una raccolta fondi in favore di Medici Senza Frontiere, per dare una speranza a chi vive nelle aree più disagiate del mondo

I prodotti di eccellenza del made in Marche scendono in campo per raccogliere fondi e ascoltare le storie reali di chi ha portato una speranza nelle aree più disagiate del mondo con le missioni umanitarie. È l’aperitivo solidale, un’iniziativa promossa dalla Bottega Italiana “Mangio ergo sum” di Ancona e da Medici Senza Frontiere, in collaborazione con Campagna Amica-Coldiretti. L’appuntamento è per sabato 18 gennaio a partire dalle 19.30 nella “casa degli agricoltori” di via dell’Artigianato 3/c, in zona Palombare, nel capoluogo dorico. Il costo della serata è di 12 euro (prevendita in Bottega) e parte del ricavato che andrà a sostegno dell’attività di Msf.
“Oggi l’agricoltura – spiega Barbara Pergolini, la giovane anconetana che un anno fa ha aperto la prima Bottega Italiana delle Marche – non produce solo cibo ottimo ed etico ma anche iniziative di welfare e solidarietà. Con questa serata vogliamo dare un piccolo esempio di questo nuovo corso e per farlo abbiamo scelto di coinvolgere Medici Senza Frontiere, la più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente al mondo che fornisce soccorso umanitario in più di 60 paesi e che nel 1999 è stata insignita del Premio Nobel per la Pace”.
All’iniziativa prenderanno parte Annamaria Mandese, coordinatrice del gruppo di Ancona di Msf, e Matteo Civardi, ingegnere milanese ma marchigiano di adozione, che racconterà la sua esperienza da operatore umanitario e logista di Msf in Malawi, con la costruzione di un ospedale. “Ho visto – racconta Matteo in un suo diario dal campo – situazioni difficili: ospedali senza medici, senza acqua per giorni interi, reparti con letti senza materassi, tecnici di laboratorio senza mascherine per proteggersi dalla tubercolosi, aree d’attesa sovraffollate dove i pazienti rischiano d’infettarsi a vicenda, ambulanze senza batteria e con le gomme completamente lisce. Ho cercato di mettere a frutto le mie competenze e la mia esperienza come ingegnere e ho vissuto un’esperienza di crescita con il risultato positivo di sentire di aver contribuito a migliorare le condizioni di vita di altri”. Ma ci saranno anche i produttori di Campagna Amica (Azienda Agricola Luzi, Colle Nobile, Si.Gi., Cantine del Cardinale, Le basi, Il Forno di Collina, Angolo di Paradiso) che guideranno i partecipanti attraverso le eccellenze marchigiane, dai salumi tipici alla pizza biologica, dai formaggi all’olio extravergine d’oliva, dai vini ai dolci.

TAGS
ancona; bottega; solidarietà; medici; marche;